COMUNICATO STAMPA DEL SINDACO DI TRAPANI



COMUNE DI TRAPANI
(clicca per ingrandire)

14 Febbraio 2008 - Come lo scorso anno, istituito anche in occasione della Processione dei Misteri 2008 il Comitato di Controllo, di cui fanno parte rappresentanti del Comune, della Curia Vescovile e dell’Unione Maestranze, che avrà il compito di seguire la manifestazione, “rilevando eventuali disfunzioni, intervenendo per la soluzione di problematiche insorgenti, individuando i responsabili” e redigendo, alla fine della manifestazione, apposita relazione.
Il Comitato di Controllo della Processione dei Misteri 2008 è composto dal Comune nella persona del Sindaco, dalla Curia Vescovile, nella persona del Vescovo, e dall’Unione Maestranze nella persona del Presidente. Le fasi operative sono seguite dai tre delegati di Sindaco, Vescovo e Presidente Unione Maestranze e ciò dal dott. Giuseppe Russo, delegato dal Sindaco, da don Vincenzo Basiricò, delegato dal Vescovo della Diocesi di Trapani, da Giuseppe Di Capizzi, delegato dal Presidente dell’Unione Maestranze.
Lievi le differenze rispetto al Comitato di Controllo dello scorso anno, che era costituito, per gli aspetti operativi, da Vito Santoro, ex assessore al Patrimonio del Comune, da don Nicola Rach e don Basiricò, delegati dal Vescovo e da Giuseppe Di Capizzi, delegato dal Presidente dell’Unione Maestranze.
Il Comitato di controllo, dopo avere redatto la relazione, sarà convocato per decidere sulle eventuali sanzioni da applicare e per formulare proposte per la processione dell’anno successivo.
Il Comitato di Controllo dello scorso anno, nella sua relazione, aveva evidenziato le disfunzioni ed i comportamenti ritenuti non adeguati. Dalla relazione, definita ad aprile scorso e presentata il 26 Settembre, emergeva che “alcuni gruppi hanno assunto comportamenti non adeguati alla Processione, mostrando noncuranza, disprezzo delle regole, mancanza di rispetto nei confronti della cittadinanza, determinando rallentamenti, ritardi nelle fasi di uscita e di entrata in Chiesa e dando complessivamente un’immagine negativa della manifestazione religiosa”.
Lo stesso Comitato, a conclusione della sua relazione, nel rispetto dei suoi compiti, ha proposto “raccomandazioni per le manchevolezze più lievi, richiami per tutti coloro che, non rispettando le distanze, hanno rischiato di compromettere il buon esito della Processione, costringendo l’organizzazione a reiterare gli inviti al rispetto delle regole e sanzioni severe nei confronti di quei gruppi che, con il loro comportamento, hanno mostrato noncuranza, disprezzo delle regole, mancanza di rispetto nei confronti della cittadinanza e dei Gruppi che invece si sono adoperati per restituire alla Processione l’ordine e la compattezza che da alcuni anni erano venuti meno”.
Accogliendo quanto proposto dal Comitato, in considerazione del fatto che nel bilancio comunale è stanziato un contributo di € 103.291,00 in favore dell’Unione Maestranze per l’organizzazione della Processione, anche “al fine di tutelare coloro che hanno rispettato le regole, garantendo la buona riuscita della manifestazione, i quali, in caso di trattamento indifferenziato, subirebbero un ulteriore danno, con proprio decreto il Sindaco ha invitato il Dirigente del Settore competente a liquidare il contributo per la Processione dell’anno scorso nella misura di ottantamila euro, sospendendo al momento la liquidazione dell’ulteriore somma di € 23.291,00.
L’Unione Maestranze provvederà a ripartire le somme, come ha sempre fatto, tra tutti i ceti, escludendo dalla ripartizione o riducendo l’importo per quelli che il Comitato di Controllo ha ritenuto responsabili di disfunzioni più gravi. La stessa Unione Maestranze, inoltre, provvederà a richiamare per iscritto i gruppi che, a detta del Comitato, hanno creato disfunzioni, diffidandoli affinché non vengano reiterati comportamenti ritenuti inadeguati.
Nel decreto è scritto che l’ulteriore contributo di € 23.291,00 sarà liquidato con provvedimento dirigenziale solo se il Comitato di Controllo per la Processione 2008 attesterà con propria dichiarazione il non reiterato comportamento trasgressivo dei gruppi sanzionati.
“Il Comitato di Controllo – ha detto il Sindaco Fazio – è nato da un’esigenza manifestata da tutti, Unione Maestranze, Curia, cittadini, i quali vogliono, nel rispetto della tradizione, una processione che sia serena e che non si caratterizzi per disfunzioni, liti, sovrapposizioni, contrasti. D’altra parte, la processione, che non è proprietà privata di alcuno, ma è patrimonio di tutta la città, viene realizzata, oltre che attraverso l’impegno di tutti coloro che a vario titolo vi sono coinvolti, anche grazie all’erogazione di fondi pubblici. Il rispetto della tradizione e delle regole del vivere civile è fondamentale sempre, a maggior ragione quando ci sono in ballo soldi pubblici. Il Comitato di Controllo ha ritenuto di dover applicare le sanzioni, in termini peraltro non negativi, ma positivi, come invito a tenere comportamenti più corretti, da parte di coloro che hanno creato disfunzioni. E’ una forma di rispetto verso i cittadini, che amano la Processione dei Misteri, ma anche verso chi, tra i Gruppi, ha rispettato le regole e si è adoperato per la buona riuscita della manifestazione. Non sarebbe corretto che con soldi pubblici si sostengano sia coloro che mettono tutto il loro impegno per rinnovare la tradizione nel rispetto delle regole sia coloro che invece creano evidenti disagi. D’altra parte, l’erogazione della parte del contributo attualmente sospesa, come scritto nel decreto, è prevista qualora il Comitato di Controllo accerti che nella Processione 2008 non si registreranno comportamenti inidonei da parte dei gruppi sanzionati.
Penso che se vogliamo mantenere la nostra tradizione, dobbiamo saperla rispettare in tutti i suoi aspetti. Non credo che la città e gli stessi ceti vogliano una Processione sgangherata, dove ognuno fa quello che vuole e che nulla abbia ne’ di fede ne’ di tradizione”.

 

 

 

 
 

powered by first web - segnalato su www.viveretrapani.it

Cookie policy | Privacy policy