COMUNICATO


A seguito di numerose segnalazioni ricevute, l'Unione Maestranze di Trapani invita le attività commerciali a diffidare di persone che con la processione non hanno nulla a che fare, non rappresentando alcun gruppo sacro, e che si sono resi autori di vere truffe, facendo leva sull'attaccamento della cittadinanza ai Misteri.
La raccolta dei fondi per l'allestimento della processione del Venerdì Santo, infatti, è demandata esclusivamente alla autonomia di ogni gruppo e viene svolta dai rappresentanti dei singoli gruppi all'interno delle proprie categorie di appartenenza, attraverso il rilascio di una regolare ricevuta, con l'indicazione della somma di denaro avuta e dell'immagine del ceto di appartenenza.

 

 

 

 
 

powered by first web - segnalato su www.viveretrapani.it