MISTERI (di VULTAGGIO GIUSEPPE)

“MISTERI” di Giuseppe Vultaggio

Li jorna chi di Pasqua nni sipara,
doppu carnalivari su’ quaranta
e tutta la “Maistranza1” si pripara,
‘na prucissioni chi lu munnu ‘ncanta !

La prucissioni, ogni libru ‘nforma,
avi ‘na storia longa e travagghiata,
da li “Casazzi” a li nostri jorna,
dura vintiquattruri di filata.

Curri lu tempu, porta beni e danni,
puru la Chiesa fa li canciamenti…
pi lu dumila passanu tri anni,
pi niatri cca, nun â canciatu nenti.

Si nesci versu ‘i dui cu gran primura,
su’ vinti carri misi ‘n prucissioni,
cu l’annacata2 di li portatura3,
si cunta di lu “Cristu” la passioni.

E’ dura di so matri fari senza…
ma la saluta cu la spada ‘n pettu;
chissu è lu primu carru: “La Spartenza”,
puru Giovanni c’è, lu predilettu.

Traduzione letterale MISTERI

I giorni che da Pasqua ci separa, / dopo carnevale sono quaranta / e tutta la “Maestranza” si prepara, / una processione che il mondo incanta! / La processione, ogni libro informa, / ha una storia lunga e travagliata, / dalle ai nostri giorni, / dura ventiquattrore di seguito. / corre il tempo, porta bene e guai, / pure la Chiesa fa dei cambiamenti.../ per il duemila passano tre anni, / per noialtri qui, non è cambiato nulla. / Si esce verso le due con gran premura, / sono venti carri messi in processione, / con il dondolio dei portatori, / si racconta del “Cristo” la passione. / E’ dura di sua madre fare senza.../ ma la saluta con la spada in petto; / questo è il primo carro: “La Separazione”, / pure Giovanni c’è, il prediletto.


E doppu chi fineru di cenari4,
addinucchiuni ‘i peri lava e sura
e mentri “Petru” ‘u voli sullivari…
s’avvia lu carru di li “Piscatura5”.

Un Angiluzzu scinni di lu celu,
un calici ntâ manu luci spanni,
su “l’Ortolani”, scritti ‘nta lu telu,
cu “Jacu” dormi “Petru” e puru “Vanni6”,

Trarìu lu “Juda”, ‘nfami e disonestu,
lu “Cristu” veni ora ammanittatu,
Simuni, dittu Petru, fa lu gestu7,
lu servu lu talia tuttu scantatu.

A lu “Sinedriu” poi veni purtatu,
ma stanca, cari e nun po jiri avanti8,
poi di dui “sgherri” veni trascinatu:
chissu è lu cetu di li “Naviganti” !

Nni “Hanna9” facci-frunti fu purtatu…
‘na vardia metti ‘na gran timpulata,
lu so patruni voli rispittatu
mentri lu gruppu va cu l’annacata.


E dopo che hanno finito di cenare, / in ginocchio i piedi lava e suda / e mentre “Pietro” lo vuole sollevare.../si avvia il carro dei “Pescatori”. / Un Angioletto scende dal cielo, / un calice nella mano luce sparge, / sono “gli Ortolani”, scritti nel telo, / con “Giacomo” dorme “Pietro” e pure “Giovanni”. / Ha tradito “Giuda”, infame e disonesto, / il “Cristo” viene ora ammanettato, / Simone, detto Pietro, fa il gesto, / il servo lo guarda pieno di paura. / Al “Sinedrio” poi viene portato, / ma stanca, cade e non può andare avanti, / poi da due “sgherri” viene trascinato: / questo è il ceto dei “Naviganti”! / Da “Hannan” di fronte fu portato…/ una guardia mette una grande sberla, / il suo padrone vuole rispettato, mentre il gruppo va con la dondolata.



“La Negazioni”, gruppu di varveri,
di l’arti – d’’u Pisciotta10 – si nni vanta;
“chissu cu Cristu sunnu amici veri…”
ma nega Petru, mentra l’addu canta !

Lu scriba voli “Cristu” misu ‘n cruci,
“Erodi Antipa” l’avi a giudicari,
un surdatazzu aisa la so vuci…
c’’a vesta bianca ‘u fannu caminari.

A senzu d’iddu lu vulía sarvari11,
ci retti ô boia ‘na gran corda dura,
puru lu sgherru ‘u voli flagellari:
chissu è lu carru di li “Muratura” !

Ci vonnu dari ancora ‘na lezioni,
un mantu russu, la curuna12 ’n testa;
nta lu so visu la rassegnazioni…
e li “Furnara” cuntanu sti gesta.

Nta lu barcuni “Cristu” nun sta ‘n peri,
d’’u populu si sentinu li vuci,
Pilatu ci addumanna lu pareri:
nun c’è pietà, lu “Cristu” vonnu ‘n cruci !


“La negazione”, gruppo dei barbieri, / dell’arte- del Pisciotta – se ne vanta; / “questo con Cristo sono amici veri…”/ ma nega Pietro, mentre il gallo canta! / Lo scriba vuole “Cristo” messo in croce, / “Erode Antipa” lo deve giudicare, / un soldataccio alza la sua voce…/ con la veste bianca lo fanno camminare. / Secondo lui lo voleva salvare, / diede al boia una gran corda dura, / pure lo sgherro lo vuole flagellare: / questo è il carro dei “Muratori”! / Gli vogliono dare ancora una lezione, / un manto rosso, la corona in testa; / nel suo viso la rassegnazione…/ ed i “Fornai” raccontano queste gesta. / Nel balcone “Cristo” non sta in piedi, / del popolo si sentono le voci, / Pilato domanda loro il parere: / non c’è pietà, il “Cristo” vogliono in croce!



Lu fari di Pilatu pari stranu,
nun la capisci propriu sta sintenza,
curpa nun voli, lava li so manu:
si voli puliziari la cuscenza !

Quannu passa stu carru m’arrimoddu,
cu lu Simuni13 va versu lu munti14…
è lu “Signuri cu la cruci ‘n coddu”,
‘na donna pia ci pulizia la frunti !

Spugghiatu veni ora lu “Signuri”,
abbrucia forti la curuna ‘n testa,
stancu, avvilutu, chinu di duluri…
puru lu boia resta senza vesta15.

Lu gruppu sacru di li “Mastri d’ascia16”
prisenta a tutti “La Sullivazioni”,
li chiova a punta, “Cristu” chi s’accascia
e mettinu la cruci ‘n pusizioni.

Finisci lu “Signuri” la passioni,
un cinturiuni spacca lu custatu;
chissu è lu carru d’’a “Crucifissioni”:
un tronu spacca ‘u celu illuminatu !


Il fare di Pilato sembra strano, / non la capisce proprio questa sentenza, / colpa non vuole, lava le sue mani: / si vuole pulire la coscienza! / Quando passa questo carro mi intenerisco, / con Simone va verso il monte…/ è il “Signore con la croce sulle spalle”, / una donna pia gli pulisce la fronte! / Spogliato viene ora il “Signore”, / brucia forte la corona in testa, / stanco, avvilito, pieno di dolori…/ pure il boia resta senza veste! / Il gruppo sacro dei “Falegnami”, / presenta a tutti “La Sollevazione”, / i chiodi a punta, “Cristo” che si accascia / e mettono la croce in posizione. / Finisce il “Signore” la passione, / un centurione spacca il costato; / questo è il carro della “Crocifissione”: / un tuono spacca il cielo illuminato!



Lu carru di li “Sarti e Tapizzeri”,
nni rappresenta la “Deposizioni”;
chiancinu ‘i “Marii”17 lacrimi veri,
fu “Peppi”(18) chi pacau la cauzioni.

A lu Sepolcru veni accumpagnatu,
nun ánnu nuddu ‘a forza di ciatiari;
l’Addulurata chianci ‘u figghiu amatu:
chissu è lu carru di li “Salinari” !

La massima esprissioni d’’u duluri,
è chidda nt’’o sepolcru di lu “Cristu”,
la curpa so fu “spàrgiri l’amuri”
ed ora pari chi nuddu l’á vistu.

L’Addulurata chiuri lu purtuni,
già sapi quali fu la sorti amara,
camina cu lu cori a pinnuluni
e chianci pi so figghiu nta la vara!19

Nun sacciu quanta genti po capri,
ch’’i nostri sunnu sintimenti veri,
resti ‘ncantatu puru s’un ci criri:
pi chissu cca, si chiamanu “Misteri20”!


Il carro dei “Sarti e Tappezzieri” , / ci rappresenta la “Deposizione”; / piangono le “Marie” lacrime vere, / fu “Giuseppe” che pagò la cauzione. / Al sepolcro viene accompagnato, / non hanno nessuno la forza di respirare; / l’Addolorata piange il figlio amato: / questo è il carro dei “Salinai”! / La massima espressione del dolore, / è quella nel sepolcro del “Cristo”, / la colpa sua fu “spargere l’amore” / ed ora pare che nessuno l’ha visto. / L’Addolorata chiude il portone, / già sa quale fu la sorte amara, / cammina con il cuore a penzoloni / e piange per suo figlio nella bara! / Non so quanta gente può capire, / che i nostri sono sentimenti veri, / resti incantato pure se non ci credi: / per tutto ciò, si chiamano “Misteri
(1) Maistranza: Corporazione d’arti o mestieri (in questo caso rtigiani).
(2) Annacata: movimento ondulatorio con il quale i portatori muovono a tempo di musica il carro.
(3) Portatura: Persone che portano a spalla (per mezzo di travi di legno) i carri (minimo 12 unità per carro).
(4) Cenari: s’intende “L’ultima cena”.
(5) Piscatura: ogni carro è affidato ad una maestranza, in questo caso ai pescatori.
(6) Mentre “Gesù” riceve il calice dall’Angelo, poco distanti da lui, dormono gli Apostoli “Giacomo” “Pietro” e “Giovanni”.
(7) Fa lu gestu: L’Apostolo “Pietro” chino su un servo del Pontefice, brandisce una spada per ferirlo.
(8) Il “Cristo” nell’oltrepassare il torrente “Cedron” scivola e cade.
(9) Hannan: suocero del sommo sacerdote “Caifa”.
(10) Pisciotta: Baldassare Pisciotta, autore del rifacimento del sacro gruppo.
(11) Secondo l’Apostolo “Marco”, la flagellazione era stata decisa nel tentativo di salvare la vita a “Gesù” (Marco 15,15).
(12) La curuna: s’intende la corona di spine.
(13) Simuni: Simone di Cirene ovvero Simone Cireneo.
(14) Lu munti: il calvario.
(15) Si narra, che il giudeo che aiuta i due sgherri a spogliare “Gesù”, come per miracolo ad un tratto resta nudo poiché i suoi abiti cascano a brandelli.
(16) Mastri d’ascia: Falegnami
(17) Marii: sono la Madonna e Maria Maddalena, che assistono alla scena con infinita tristezza.
(18) Peppi: Giuseppe D’Arimatea.
(19) Vara: La “Bara”, penultimo carro, dove si raffigura il “Cristo” sepolto.
(20) Misteri: E’ il nome che è stato dato alla processione.


1° CLASSIFICATO al 3° concorso di poesia religiosa “CARMINA DEO 2002” (Buseto Palizzolo - TP - 26 aprile 2003).

1° CLASSIFICATO 4° premio di poesia “Maria SS.di Custonaci (Trappeto di Fraginesi – 25 agosto 2003).

Premio Speciale 1° Premio di Poesia religiosa “Laudes Creaturarum” – (Termini Imerese – PA – 30 settembre 2006)

 
 

powered by first web - segnalato su www.viveretrapani.it