A TEMPU…DI GRANCASSA (di Vultaggio Giuseppe)

Sunnu li dui ed è “Vennari Santu”,
si grapi lu purtuni ô “Purgatoriu1”,
nta l’aria già si senti a-tipu un chiantu
mentri ‘i campani sonanu ‘u mortoriu.

Su’ tutti ‘n tiru, Consuli2 e Massari3,
nun parla e aspetta, ‘a genti chi s’ammassa,
è tuttu prontu, si po cuminciari:
s’aspettanu tri corpa di grancassa4.

E prima di sunari, comu ogni annu,
ci mannu la me preci a lu “Signuri”…
nun sentu friddu ma staju trimannu:
è comu si sintissi un gran duluri!

Mi veni di parlarici un mumentu:
«Ti pozzu, jò, alliviari sti torturi?
Dimmillu soccu àju a fari, jò ti sentu,
dimmillu “Gesù Cristu!” Pi favuri.




Traduzione letterale: A TEMPU DI GRANCASSA

Sono le due ed è “Venerdì Santo”, / si apre il portone al “purgatorio”, / nell’aria già si sente come un pianto / mentre le campane suonano il mortorio. / Sono tutti sfarzosi, Consoli e Massari, / non parla e attende, la gente che si affolla, / è tutto pronto, si può incominciare: / si attendono tre colpi di grancassa. / E prima di suonare, come ogni anno, / ci mando la mia prece al “Signore”… / non sento freddo ma sto tremando: / è come se sentissi un gran dolore! / Mi viene di parlarci un momento: / «Ti posso, io, alleviare questi tormenti? / Dimmi cosa devo fare, io ti ascolto, / Dimmelo “Gesù Cristo!” Per favore.



Nun criu ci abbasta ‘na prijera mia,
nun penzu po carmari stu turmentu,
nun po abbastari sta me litanìa:
mi sa ch’un ci la fa mancu lu ventu!

“Signuri” picchì ‘un parli: nun mi senti?
Capisciu…li dulura, ’un poi parlari…
Ti giuru, ‘un pozzu fari propriu nenti,
nun pozzu fari autru chi sunari…

Jò speru chi ogni nota chi ti mannu,
a tia arrivassi comu un vasuneddu,
jò preu “Signuri”, chi sta nenia, ‘st annu,
vulassi a ciancu a tia, comu ‘n aceddu.

Vogghiu pinzari, comu musicanti,
ch’ogni biscroma c’’u strumentu manna,
sirvissi a tia, comu a lu lattanti,
pi dormiri, ci servi ‘a ninna nanna.





Non credo ci basti una preghiera mia, / non penso possa calmare questo tormento, / non può bastare questa mia litania: / mi sa che non ce la fa nemmeno il vento! / “Signore” perché non parli: non mi senti? / Capisco…i dolori, non puoi parlare…/ ti giuro, non posso fare proprio nulla, / non posso fare altro che suonare…/ Io spero che ogni nota che ti mando, / a te arrivi come un piccolo bacio, / io prego “Signore”, che questa nenia, quest’anno, voli a fianco a te, come un uccello. / Voglio pensare, come musicante, / che ogni biscroma che lo strumento emette, / servisse a te, come al lattante, / per dormire ci serve la ninna nanna.




“Signuri” sugnu ccà, nun ti scantari,
su quinnici anni ormai: ti lu scurdasti?
E nun c’è nenti chi mi fa stancari:
sta doti fusti tu chi m’’a mannasti!

Sta lacrima? Chi voi, forsi è lu ventu,
ma quali chiantu: ch’è sta fissaria?
Penza chiuttostu ô nostru appuntamentu:
duminica di Pasqua…aspettu a “Tia!”»

Sunnu li dui ed è “Vennari Santu”,
si grapi lu purtuni ô “Purgatoriu1”,
la “prucissioni5” nesci arantu arantu
mentri ‘i tammura sonanu ‘u mortoriu.

Su’ tutti ‘n tiru, Consuli2 e Massari3,
aspetta ‘a genti, fora, misa a massa,
è tuttu prontu, si po cuminciari…
e partinu ‘i tri corpa di grancassa4.

Giuseppe Vultaggio
16 gennaio 2010


“Signore” sono qua, non ti spaventare, / sono quindici anni ormai: lo hai dimenticato? / E non c’è nulla che mi fa stancare: / questa dote sei stato tu che me l’hai mandata! / Questa lacrima? Che vuoi, forse è il vento, / ma quale pianto: cos’è questa stupidaggine? / Pensa piuttosto al nostro appuntamento: Domenica di Pasqua…aspetto te!» / Sono le due ed è “venerdì Santo” , / si apre il portone al “Purgatorio”, / la “processione” esce lemme lemme / mentre i tamburi suonano il mortorio. / Sono tutti sfarzosi, Consoli e Massari, / aspetta la gente, fuori, messa serrata, / è tutto pronto, si può iniziare…e partono i tre colpi di grancassa.





1 Purgatoriu: Chiesa del Purgatorio, sede delle vare della processione dei “Misteri5” di Trapani;
2 Consuli: Rappresentanza delle Maestranze che curano l’uscita delle vare;
3 Massari: Portatori delle vare, uomini (generalmente operai) che portano a spalla le vare per ventiquattro ore di fila;
4 tri corpa di grancassa: Tipico suono della cassa che il musicista da per iniziare e segnare il tempo della marcia da eseguire (rappresentano i primi tre movimenti di una battuta – il quarto non va suonato);
5 Prucissioni Riferito alla processione dei “Misteri” di Trapani

Misteri: a Trapani, il nome attribuito alla processione che rappresenta la passione e morte del Cristo. I “Misteri”, sono costituiti da figure realizzate, con grandissima maestria, in legno per l’ossatura e gli arti; in sughero per il modellamento del corpo; in tela e colla per gli abiti , elaborati con una tecnica propria agli artigiani trapanesi, chiamata “Carchet”. Tutto quanto menzionato, veniva poggiato su di una base lignea, - generalmente pioppo - e dava vita a quella che oggi noi chiamiamo “Vara”. Le venti “Vare” (diciotto più “Cristo” nel sepolcro e la “Madonna Addolorata”), sono portate a spalla, a seconda della pesantezza, da un minimo di dodici fino a circa 30 persone (Massari), grazie a due assi di legno che le reggono, oltrepassandole. Alla fine della seconda guerra mondiale, purtroppo, questi preziosi capolavori, furono trovati gravemente danneggiati o addirittura distrutti. Grazie all’apporto di valorosi artisti locali, quali Giuseppe Cafiero, Domenico Li Muli, Antonio Fodale e Leopoldo Messina, vennero ricostruiti o riparati tutti i gruppi che oggi abbiamo la fortuna di ammirare, per le strade della nostra città, abbelliti per altro con i pregevoli argenti, appartenenti alle fiorenti botteghe degli argentieri trapanesi del XVII e XVIII secolo e migliorati/aumentati nel tempo e che costituiscono oggi, un vero e proprio tesoro di inestimabile valore. La bellezza scultorea, le note struggenti delle marce funebri, le religiosità dell’evento, il pungente odore dei ceri che si vanno sciogliendo, variegato a quello dei fiori che ornano le vare, inebriano tutti coloro che ammirano estasiati questi tesori artistici; e così per tutto il giorno e per tutta la notte, fino alle prime luci dell’alba, quando i colori della nostra terra, fanno da coreografia naturale alla processione per finire alla tarda mattinata del sabato, quando, portatori, “musicanti”, rappresentanti dei gruppi e tutti i partecipanti, accompagnano ormai stremati, le “Vare” dentro la Chiesa del Purgatorio di Trapani.

 
 

powered by first web - segnalato su www.viveretrapani.it