DEDICATO AI PORTATORI DEI MISTERI. (di Dario Badalucco)

Già sento lu ciauro ri cira,
e u lignu n’da spaddra,
i ciaccole sunare e cu rice agguanta!

U puittune si rape…
è arrivato u momento…
i tammura sonano e iò già li sento!

Avanti cu primo, poi cu sicunno,

e piano piano semo iunti all’uittimo.
Sento li marce sunate ra banda,
e vio li misteri ire a destra e a manca!
Già vio nall’occhi di niautre fratelli
scinnire lacrime ca ni fanno cchiù beddri!
Appostooo! Unooo e due… ricemo p’aisare,
prima annacamo e poi am’arrancare!
Passano li ure e u misteri ci pisa,
ma niautre pi amure unn’avemo fatica!
A spaddra fa male, inizia a bruciare,
ma guai a cu si leva… amo agguantare!
Senza di niautre u mistere un camìna pi nenti,
quindi picciotte… stringemmuse i renti.
A notte è beddra, a stanchizza si sente,
a spaddra è aunciata e i peri su ugghiente.
Semo iunti alla fine ri sta processione,
i misteri ae Barracche fanno a loro visione.
E quanno a matina s’attacca annacare
senza farici caso… a stanchizza scumpare
E semo arrivate all’uittimo istante,
a pedana è vicina e c’è già cu chiance.
A banda attacca e niautre l’aisamo,
e d’intra la piazza trasemo chiano chiano.
E d’intra la chiesa ormai semo giunti,
a banda finisce e ca chiancino tutti.
U misteri un si posa ma si sonano i ciaccole
poi lu si cala e cà iniziano l’abbracci.
Stu iorno è speciale pi noi Trapanisi…
vulemuse bene… amo a essere tutti amici!!


 
 

powered by first web - segnalato su www.viveretrapani.it