I MISTERI E BARRACCHI (di Santino Maggio)

A LA MATINA, QUANNU CHI LU CIELU
‘NCUMINCIA A SCHIARIRE E PRIMA CHI U SULI S’AVI AFFACCIARI.

SU TUTTI E BARRACCHI LI MISTERI
CHI LUCI ADDUMATI
E I CANNILI SQUAGGHIATI.

NE MARCIAPERA SU ASSITATI
I MASSARA STANCHI DA NOTTI
CHI FORU AIUTATI DI LI PICCIOTTI.

CHISTU E U MOMENTO DI RANN SUGGISTIONI QUANNU A LI CINCU
SI MOVI A PRUCISSIONI.

PARI CHI U TEMPU FORA
FIRMATU, PARI CHI L’ANNI
‘NU N’HANNU PASSATU.

TUTTU DIVENTA COMU FATATU
I CRISTIANI ACCUPPUNATI
CU L’OCCHI A PAMPINEDDA
STANNU IMPALATI.

SCINNINU ARACIU
PI L’ULTIMA STRADA
CA LOGGIA E’ CHIAMATA

TUTTI ‘MPUPATI E CHINI RI CIURA
‘NMEZZU E PALAZZI
CA GENTI AFFACCIATA
SU TUTTI ‘NFILERA PI LA RITIRATA.

L’ADDULURATA CHIURI LA FILA
CHI FIMMINEDDI CHI SQUAGGHIANU A CIRA

SONA LA MUSICA NOTI DI MORTI
QUANNU TRASI A MARONNA……..

SI CHIURUNU I PORTI .

 
 

powered by first web - segnalato su www.viveretrapani.it